Prime comunioni, Cresime, Matrimoni: un tempo per regalare solidarietà con il sostegno-adozione a distanza

Il messaggio di Gino Chiesa, prete diocesano e direttore del centro missionario con l’invito ad un gesto di speciale solidarietà in occasione di comunioni, cresime, matrimoni. Qui tutti i progetti per i quali i missionari albesi chiedono in questo momento un particolare aiuto. 

Carissime comunità parrocchiali e amici parroci, animatori di corresponsabilità diffuse, mi rivolgo a voi come responsabile del Centro Missionario Diocesano, un “ufficio” dove non si sbrigano solo delle pratiche, ma soprattutto dove sono chiamate a confluire ed avere voce tutte le forze missionarie esistenti della Diocesi e del territorio. Vorrebbe pure essere luogo e strumento privilegiato della coscienza e dell’impegno missionario della Chiesa di Alba.

Per poter vivere più intensamente il nostro essere Chiesa-missione e cooperazione tra le chiese sparse nel mondo chiedo a voi, nella occasione dei sacramenti della Eucarestia (in particolare della Prima Comunione), della Cresima, dei Matrimoni, se è possibile rafforzare la solidarietà verso le iniziative dei nostri missionari Fidei Donum e delle Suore Luigine in Bangladesh, in India, in Kenya a Marsabit e in Brasile dove operano.

Si tratta di adottare a distanza una scuola, un orfanotrofio, un asilo, un bambino o una bambina poveri. I destinatari sono i bambini più in difficoltà, che per vari motivi, non possono essere aiutati dalle loro famiglie o sono esclusi dalle politiche sociali degli stati. Per questo hanno bisogno di un sostegno che offra loro le opportunità necessarie per poter crescere, curarsi, studiare e inserirsi nella società.

COME DONARE>>

Con l’iniziativa si vuole collaborare per un mondo nel quale i bambini possano crescere in un ambiente senza abusi e sfruttamenti e usufruire di diritti fondamentali come la scuola.

Il “sostegno-adozione a distanza” è un gesto di libera e solidale condivisione con bambini e ragazzi che sono nel bisogno.

Tutti possono aderire al Sostegno a distanza; persone singole, famiglie, gruppi di amici, classi di catechismo, di scuola, aziende, enti locali, parrocchie ed associazioni. E’ un impegno morale a cui chiunque può partecipare. E’ un modo concreto e discreto di spezzare il pane anche a distanza.

I Missionari/e individuano i bambini da sostenere, le priorità e le necessità, gestiscono i contributi e mantengono i contatti con l’Ufficio-Centro Missionario e qualche volta con i sostenitori. Per meglio realizzare una maggior equità e senso di condivisione tra i bambini, le richieste da parte dei missionari sono orientate verso adozioni dei gruppi, più che dei singoli.

Orientativamente la cifra annuale è di 200,00 euro all’anno, si accettano anche cifre inferiori o superiori.

Questa proposta può anche aiutare la scelta da parte nostra di uno stile di festa più sobria e una presa di coscienza delle molte povertà nel mondo. A partire da una quotidianità più sobria e libera dalle cose.

Con gratitudine a tutti voi per la testimonianza non nel costruire muri che separano, quanto nel lavorare per la fraternità di tutti i popoli con la convinzione che «non va perduta nessuna delle sue opere svolte con amore, non va perduta nessuna delle sue sincere preoccupazioni per gli altri, non va perduto nessun atto d’amore per Dio, non va perduta nessuna generosa fatica, non va perduta nessuna dolorosa pazienza. Tutto ciò circola attraverso il mondo come una forza di vita. A volte ci sembra di non aver ottenuto con i nostri sforzi alcun risultato, ma la missione non è un affare o un progetto aziendale, non è neppure un’organizzazione umanitaria, non è uno spettacolo per contare quanta gente vi ha partecipato grazie alla nostra propaganda; è qualcosa di molto più profondo, che sfugge ad ogni misura. Forse il Signore si avvale del nostro impegno per riversare benedizioni in un altro luogo del mondo dove non andremo mai.» papa Francesco (EG.279)

 Ringraziandovi per la attenzione e le scelte che farete, un cordiale saluto e una preghiera.  Gino Chiesa prete e il CMD

 

L’adozione a distanza è un’avventura d’amore, all’interno della quale prende consistenza l’iniziativa d’aiuto, rivolto generalmente a bambini, coinvolti in progetti educativi, in scuole di vario tipo che, tra l’altro, assicurano un pasto quotidiano. Evidentemente, se parliamo di “avventura d’amore” riferendoci ad un gesto gratuito di condivisione e di solidarietà, occorre, allora, ritoccare la grammatica e la sintassi della nostra società opulenta e dei nostri stili di vita. Citando le parole del Card. Martini, dirò che “per superare l’idolo dell’odio e della violenza che danneggia il nostro vivere, è molto importante imparare a guardare al dolore dell’altro, mettendoci nella sua pelle. La memoria delle sofferenze accumulate in tanti anni, alimenta l’odio quando essa è memoria soltanto di se stessi, quando è riferita esclusivamente a sé, al proprio gruppo, alla propria causa. Se ciascun popolo guarderà solo al proprio dolore, allora prevarrà sempre e solo la ragione del risentimento, della rappresaglia e della vendetta e mai della comprensione. Solo l’amore invita colui che, scendendo da Gerusalemme a Gerico, incontra un samaritano ferito e scende da cavallo per occuparsi di lui”. Il primo frutto, quindi, dell’Adozione a distanza è quello di ridare rispetto, attenzione, comprensione e un sorriso ai bambini che soffrono ed alle loro famiglie…

I bambini del Sud del mondo ci invitano a fermarci, a scendere dalle nostre cavalcature sicure, per ascoltare il loro grido e per sentire e accogliere il loro messaggio.

Un mondo nuovo aspetta la tua partecipazione, un mondo dove non ci siano diversi, dove non esista la solitudine e l’abbandono di chi soffre. Ricordiamoci quanto ebbe a dire l’Abbé Pierre: “Lo scandalo del male è che ce ne dimentichiamo, e così ce ne rendiamo complici. L’ingiustizia non è la disuguaglianza: è la non condivisione”.

TUTTI I PROGETTI 2018 (Paese – località – referente):

BANGLADESH

Khulna – Sr. Pierangela
St Joseph – Sr. Joshna
Dhaka – Sr. Cecilia

MARSABIT – KENYA
Patrizia Manzone Fidei Donum laica “Alba Foundation”

INDIA
Yellamanchili – sr. Philo
Gunadala – sr. Flaviana
Orissa – sr. Valsa Joseph
Akividu – sr. lucetta
Thanikella – sr. Mercy Abraham
Kerala – sr. damiana

BRASILE
Sapè – Conceiçao
Juazeiro – Sr. Teresa
Sapè – Sr. Lucia
Curral De Dentro – P. Sergio Stroppiana
Talita – Pe Luis Pescarmona
Teofilo Otoni – Pe Piero Tibaldi MG
Ouro Verde – Pe Sergio e pe Piero
Freitas – Roberto Poggi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>